Cofferati non più sindaco

ottobre 16, 2008 at 10:21 pm (considerazioni, personaggi, politica)

Qualche giorno fa come tutte le mattine ascoltavo Città del Capo. La notizia del giorno era che Cofferati aveva deciso di non ricandidarsi come sindaco di Bologna. Tutta la prima parte del programma “Angolo B” (dalle 8 e mezza alle 9 e mezza) è stata dedicata a questa storia, con interventi telefonici di politici, esperti del settore e ascoltatori vari, i quali potevano partecipare anche con sms, come usa in pressoché tutti i programmi di questa radio.

Il registro sembrava piuttosto stupito per la scelta di Cofferati; probabilmente era nel taglio della trasmissione (peraltro comprensibile), sicché poco spazio è stato concesso ai miei due interventi via sms, in cui notavo che in fondo c’era poco da essere sorpresi, visto che fino dall’inizio si diceva (o “vociferava”, a seconda dei punti di vista) che per lui il passaggio da Bologna non avrebbe costituito altro che una palestra per palcoscenici più in vista e, secondo le logiche correnti, più significativi.

Inaspettato, più che altro, è stato il voltafaccia, che Cofferati ha fatto cadere a sei mesi dalle elezioni e dopo che già aveva assicurato che si sarebbe ripresentato. Tanto che da una parte si potrebbe sospettare che effettivamente i “motivi familiari” (come si scriveva nel libretto delle giustificazioni quando si faceva seghino a scuola in quinta) siano non dico reali (perché non lo dubito) bensì sinceri.
Mentre d’altra parte oramai si scrollano le spalle alle scelte del PD.

Poi tuttavia compare la notizia segnalata qua, della sua eventuale candidatura alle europee.
Che per una volta esigenze e desideri si siano incontrati?
(Tacendo ovviamente delle manfrine mediatiche e politiche.)
Continuo (e probabilmente continuerei) in ogni caso a nutrire seri dubbi e poche illusioni.

2 commenti

  1. Panzallaria said,

    io – devo dirlo – sono molto contenta: sposo il parere di Evangelisti che ha detto al Il Manifesto che si è sicuramente trattato del peggior sindaco per Bologna dal dopoguerra ad oggi. La città è stata defraudata ancora un po’…speriamo (ma non confidiamo) nel futuro.

  2. dottorcarlo said,

    Non conosco tanto approfonditamente la storia di Bologna, ma rispetto e ammiro Evangelisti e condivido il tuo sentimento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: