Dove vado

1/12/2007
Evento specialissimo al cinema Lumière di Bologna, che si attrezza tecnologicamente per poter proiettare, da oggi per tutta la prossima settimana, Blade Runner – The Final Cut, terza edizione di uno dei più bei film della storia.
Rispetto all’operazione commerciale del 1992 (il Director’s Cut), questa versione dovrebbe essere ancora più pessimista, rispecchiando le volontà originali del regista Ridley Scott.
Rimasterizzato e digitalizzato con una risoluzione visiva che tocca la perfezione, nuove scene per la bellezza di una mezzoretta in più di film, nuovi effetti speciali goduria per gli occhi.
C’è già chi parla di altra ennesima trovata commerciale, e può anche darsi; ma io già palpito.

Stasera poi, al Locomotiv, i Settlefish, indie rock da Bologna, presentano il loro terzo album, Oh Dear!. Grosso corredo di ospiti, Laser Geyser da Bologna e David Singer da Chicago. E per finire, a mettere i dischi ci saranno Fede MC, voce storica di Città del Capo ora passata a RadioDue, e UDA, sempre da Città del Capo.

*****

Proprio stasera ben due eventi musicali degni di rilievo.
Comincia a Bologna Suoni dal mondo, Festival di Musica Etnica giunto alla XVIII Edizione, quest’anno dedicata alle “Musiche delle Diaspore”: fino al primo dicembre con musiche balcaniche, armene, africane …
Qui il programma per intero.
A partire dalle 20:00 ci sarà anche una interessante iniziativa a Villa Serena (qui a destra il link): “Art Rock Night O.B.: Festival della Musica e della Fotografia dell’ITIS Odone Belluzzi”, con “esibizione dei gruppi musicali: Disease Illusion, Noise Pollution, Levin e Without Wires, accompagnata da una mostra fotografica realizzata dagli studenti dell’ITIS Odone Belluzzi”.

Appena cominciato è NOBODADDY a Ravenna, rassegna che proseguirà fino ad aprile con spettacoli teatrali, concerti, disegni, videoinstallazioni e altre iniziative.
Tra i gruppi e gli artisti che parteciperanno, Fanny & Alexander, Ascanio Celestini (con il bellissimo spettacolo sui manicomi e la legge Basaglia), Accademia degli artefatti, Motus (tra i gruppi di innovazione più interessanti in giro), Teatro delle donne.
Ecco il programma.

I sabati pomeriggio fino al 15 marzo potranno essere arricchiti dalle visioni della rassegna Future Film Kids al cinema Odeon di Bologna, una serie di venti film di varie scuole, diverse provenienze e differenti tecniche.
Tra gli altri, assolutamente da non perdere Paprika, di Satoshi Kon, di cui ho parlato nel precedente post di questa pagina e che penso di tornare a vedere per la terza volta; Vip – Mio fratello superuomo (1968), del gigante italiano Bruno Bozzetto, parodia delle serie supereroistiche ma soprattutto satira sociale; I Simpson – Il film, che riesce a non deludere ed essere molto divertente, reggendo la quasi ora e mezza; Il castello errante di Howl (2005), a tutt’oggi ultimo lavoro dell’immenso Miyazaki; Ratatouille, a quanto mi dicono un autentico capolavoro, che mi andrò a vedere domani pomeriggio e quindi probabilmente bisserò durante la rassegna; Lupin III – Il castello di Cagliostro (1979), ancora di Miyazaki, forse il film che ho visto più volte in assoluto.
Ulteriori notizie magari in futuro, di volta in volta.

Mi sono lasciato la segnalazione più succosa per il finale. Dal 6 all’11 novembre a Teatri di Vita a Bologna e dal 13 al 20 novembre al Teatro Out Off di Milano, la replica di uno degli spettacoli teatrali più belli della scorsa stagione: Il ritorno al deserto di Bernard-Marie Koltès, con la regia di Andrea Adriatico.
Koltès è stato un grandissimo drammaturgo della fine del Novecento, e ha inscenato anche con qualche stilema dell’assurdismo i temi della solitudine, della morte e dell’esilio, dell’essere o sentirsi dovunque stranieri, sebbene si basasse sul teatro classico nonché sociale in senso vasto.
La regia di Adriatico aggiunge alcune tipiche caratteristiche cinematografiche, sia nella messa in scena che nell’uso di uno speciale pannello che di tanto in tanto copre la scena, e su cui vengono proiettati, sgranati e a volte quasi evanescenti o poco percettibili, eventi ripresi sulla scena stessa.
Una bomba.

—————————————————————

Giovedì 18 ottobre sarò a Modena a vedere Ubu Buur del Teatro delle Albe. Con me l’Amico Terrone. Venerdì 19 di nuovo a Modena, stavolta per Karl Marx/Das Kapital dei Rimini Protokoll. Ci sarà l’Amico Terrone? E poi magari farò una scappata in uno dei posti musicalconcertistici di Bologna. Sabato la scappata sarà più probabile. Mercoledì giorno libero? Serata lounge? Magari invece ci uscirà un cinema (mi hanno detto che Planet Terror è divertente), oppure a Vignola per Circhio Lume, uno spettacolo di vaudeville.

1 commento

  1. Panzallaria said,

    vengo con te 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: